8 risposte

  1. Francesca
    18 febbraio 2011

    ..mmh sembra buona..e dove si compra?

    Rispondi

    • dietaenutrizione
      18 febbraio 2011

      non si compra… lo si prepara a casa con ingredienti freschi 🙂

      Rispondi

  2. Michela
    19 febbraio 2011

    Io la crema budwig l’ho fatta mettendo tutto nel frullatore…ma alle 11 ho una fame…

    Rispondi

  3. dietaenutrizione
    19 aprile 2011

    Ciao Michela,
    se frulli e macini tutto con il frullatore le fibre si riducono … per cui il senso di sazietà diminuisce… perchè è più facile ed è più veloce la digestione…
    ti consiglio di mantenere la frutta intera e anche qualche seme… così sgranocchi e mastichi e le fibre rimangono!

    Rispondi

  4. Silvia Nicoletti
    26 settembre 2011

    Carissimo dottor Loreto Nemi,
    la leggo per la prima volta grazie al nuovo blog dell’amica dr.ssa Sabine Eck (con la quale da alcuni anni collaboro dal punto di vista… redazionale…, e sono diventata una vera e propria cultrice del magico Sale Vero. La conobbi personalmente con la nascita della mia secondogenita poco più di 5 anni fa). Ho letto con grande piacere, tra i vari, il suo articolo sulla ricetta dell’integratore salino fatto in casa e naturale (finalmente!): sarebbe da far conoscere alle palestre del mondo, dico io, ai supermercati, alle scuole… Mi piange il cuore ogni volta che vedo quelli “finti e dannosi” presenti in commercio… Circa lo zucchero integrale le suggerisco di aggiungere/scrivere che sia anche biologico certificato, poichè le coltivazioni delle canne da zucchero avvengono solitamente a suon di pesticidi e fertilizzanti, e altri prodotti chimici: da qualche parte ho letto che è una delle coltivazioni peggiori del pianeta….
    Circa la Crema Budwig, invece, le segnalo anche l’interessantissimo (da me scoperto di recente) Miam-O-Fruit messo a punto dalla dietologa francese France Guillain, simile alla C.B. ma diversa… La Guillain scrive, in uno dei suoi innumerevoli libri (“Il metodo France Guillain per una vita sana e armoniosa”, Edizioni L’Età dell’Acquario), che la dottoressa Kousmine alla fine della sua vita dichiarò che gli ingredienti più importanti, in quella ricetta, erano la frutta fresca, i semi oleosi e l’olio. Ho riportato la ricetta del Miam-O-Fruit lo scorso agosto sul blog di cucina consapevole di Izn IL PASTO NUDO, poichè lo sto sperimentando: devo dire che è squisito! E vedremo gli effetti, ad esempio la ri-crescita dei capelli del tuo colore (ho 46 anni e qualche capello già bianco….).
    Un caro saluto, complimenti, e molto piacere di averla conosciuta, seppur virtualmente!
    Silvia Nicoletti di Bologna

    Rispondi

    • dietaenutrizione
      30 settembre 2011

      Cara Silvia, mi fa piacere che le piaccia il mio blog. Accetto anche i suoi consigli nello specificare il tipo di zucchero. Inoltre mi sono informato circa la Miam-o-fruit che è molto interessante, e sicuramente la proporrò ai miei pazienti. Un cordiale saluto e a presto.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
dispositivo portatile pc desktop